virtualbox-ose 2.1.1svn 15923 e l’anno che verrà

Dopo alcuni giorni e diverse modifiche, finalmente i pacchetti svn di virtualbox-ose ritornano a gestire la rete HIF (Interfaccia Host). Per ben due volte la compilazione produceva pacchetti funzionanti, ma solo nella modalità NAT

debian-usb-rete

E’ già disponibile sul repo la release 15923 ecco i links diretti:

[*] virtualbox-ose_2.1.1+svn-1-adoldo-15923_i386.deb 6.9M
[*] virtualbox-ose-dbg_2.1.1+svn-1-adoldo-15923_i386.deb 20M

UPDATE:
aggiunta oggi la release 15955

[*] virtualbox-ose_2.1.1+svn-1-adoldo-15955_i386.deb 7.0M
[*] virtualbox-ose-dbg_2.1.1+svn-1-adoldo-15955_i386.deb 20M

Leggi il resto dell’articolo

[quickpress] virtualbox-ose 2.1.1svn 15787

vbox211svnca4

oggi sul repo, ecco i links diretti:

Domani  l’aggiornamento sarà visibile anche a “apt-get update” per chi usa il repo intrepid in sources.list

UPDATE:

Tip:  appena installati/aggiornati vanno recompilati i moduli:

$ sudo /etc/init.d/vboxdrv setup

Enjoy :)

[quickpress] Ubuntu Plus 64bit Photo Album

by The Wise Dj

Album Immagini Ubuntu Plus 64bit

Avvia slideshow

[quickpress] UCK 2.0.5, ubuntu su misura

Ubuntu Customization Kit

UCK

Rilasciata qualche giorno fa la nuova versione di UCK, corretti alcuni piccoli problemi.

Grazie a Fabrizio Balliano e a Alessio Treglia avremo presto nei repository universe questo utilissimo software. Ecco il changelog, preso dal sito di Fabrizio:

Changelog:

* GUI:
* UCK version number fix

* Backend:
* uck-remaster script now outputs UCK version
for a better debugging
* minor fix to download-gfxboot-theme-ubuntu
(thanks to Alessio Treglia)

* Package:
* minor fixes to uck.desktop (thanks to Alessio Treglia)
* some license/copyright issues were fixed (thanks to Alessio Treglia)

Download:
http://downloads.sourceforge.net/uck/uck_2.0.5_all.deb

UPDATE:

Installazione:

$ sudo dpkg -i uck_2.0.5_all.deb

se doveste avere problemi di dipendenze, usate

$ sudo apt-get  -f install

oppure installate prima quanto richiesto:

$ sudo apt-get  install gfxboot squashfs-tools dpkg-dev build-essential

Grazie a entrambi :)

Colgo l’occasione per augurare un Buon Anno a tutta la comunità,

Antonio

Installazione di VMware-server 1.0.8 su Ubuntu Intrepid e Debian Lenny

Da diverso tempo non scrivo più su vmware server, anche per il fatto che per scelta mi piace usare VirtualBox OSE, che non è così sensibile ai cambi di distro e kernel e tra l’altro è molto più leggero. In pratica con vmware-server ogni volta che si cambia kernel si corre il rischio che non si compilino più i moduli vmmon e vmnet.

Si deve ricorrere quasi sempre a patches della comunità (quindi non ufficiali) per avere questo prodotto funzionante, che ha sicuramente molte cose positive: non è open, ma gratuito e permette per piccole realtà di avere un backend di virtualizzazione. La versione 1.0.8 build-126538 non si smentisce e infatti sia su debian che su ubuntu non compila correttamente (la versione 2.x non la considero nemmeno per le risorse hardware richieste).

Per la compilazione è sufficiente scaricare la patch da questo sito, decomprimerla e eseguire il file runme.pl.

Ho effettuato l’installazione sia su debian lenny che su ubuntu intrepid, rispettivamente con i kernels 2.6.26-1-686 e 2.6.27-9, riscontrando su entrambe i problemi suddetti.

Su Debian inoltre gnome-vfs dopo l’installazione mi dava dei problemi di browsing con la console e ho colto l’occasione per passare sia Gnome che Nautilus alla versione 2.24 e i problemi sono spariti :)

Un po’ di appunti copia e incolla, sono visibili su questo documento google, anche se messi in modo grezzo.

mentre questo è un video dell’interfaccia web mui con due VM (Sidux e debian) in contemporanea sul mio portatile (1gb RAM, Intel(R) Pentium(R) M processor 1.86GHz, Debian Lenny) sul mio desktop (AMD 64 X2 Dual Core 5000+, 2GB RAM, Ubuntu Intrepid)

Vediamo come procedere per l’installazione:

Leggi il resto dell’articolo

[quickpress] 3 pacchetti sul comò

oggi sul repo, ecco i links diretti:

[*] virtualbox-ose-dbg_2.1.1~svn-1_i386.deb 18-Dec-2008 09:18 20M
[*] virtualbox-ose_2.1.1~svn-1_i386.deb 18-Dec-2008 09:18 6.9M
[*] virtualbox-ose_2.1.0_i386.deb 18-Dec-2008 16:54 6.9M
[*] virtualbox-ose-dbg_2.1.0_i386.deb 18-Dec-2008 16:54 20M
[*] virtualbox-ose_2.1.1+svn-1-adoldo-15639_i386.deb 18-Dec-2008 17:22 6.9M
[*] virtualbox-ose-dbg_2.1.1+svn-1-adoldo-15639_i386.deb 18-Dec-2008 17:23 20M

UPDATE:

aggiunti oggi:

[*] virtualbox-ose_2.1.1+svn-1-adoldo-15671_i386.deb 19-Dec-2008 14:15 6.9M
[*] virtualbox-ose-dbg_2.1.1+svn-1-adoldo-15671_i386.deb 19-Dec-2008 14:16 20M

versioni OSE:
2.1.0 (stabile, dai sorgenti rilasciati ieri)
2.1.1~svn-1 (15630)
2.1.1+svn-1-adoldo-15639
2.1.1+svn-1-adoldo-15671

enjoy :)

VirtualBox 2.1.0, major release con supporto ai dischi VMDK e VHD

Oggi è stata rilasciata una versione importante di VirtualBox, i cambiamenti sono davvero notevoli e il salto di versione non sembra sia solo numerico. Tra i tanti cambiamenti leggibili nel Changelog, appare subito evidente il supporto ai dischi di altre piattaforme (VMware e Microsoft), i miglioramenti sulla grafica e sul networking. Per i dischi, la sezione 5.2 del manuale recita:

5.2 Disk image files (VDI, VMDK, VHD)
…. VirtualBox supports two variants of disk image files:
• Normally, VirtualBox uses its own container format for guest hard disks – Virtual Disk Image (VDI) files. In particular, this format will be used when you create a new virtual machine with a new disk.

VirtualBox also fully supports the popular and open VMDK container format that is used by many other virtualization products, in particular, by VMware.

• Finally, VirtualBox also fully supports the VHD format used by Microsoft.

e nel Changelog risulta anche una nuova funzionalità che dovrebbe rendere più facile il lavoro sia su windows che su linux per l’uso della rete bridged, cosa che in VB è stata sempre ostica:

New Host Interface Networking implementations for Windows and Linux hosts with easier setup (replaces TUN/TAP on Linux and manual bridging on Windows)

Adesso infatti invece di impazzirsi tra tun e tap (e tra cip e ciop) è sufficiente selezionare Host Inteface e scegliere la scheda che deve fare da “ponte”, miracolo :D

impostazioni-rete

rete-bridged-netcat

Le prime prove che ho fatto sono state quelle di compilare la versione svn che adesso è numerata 2.1.1~svn-1 (usata per le schermate di questo post) e che insieme alla versione stabile 2.1.0 troverete sul repo nei prossimi giorni, forse domani… stay tuned

Leggi il resto dell’articolo

Accesso remoto a Debian/Ubuntu con NX, via ssh e web

nx1_deb1

Avevo già scritto in questi posts(1 e 2) su uno dei modi di accesso remoto a macchine Linux, e visto che mi è stato chiesto per e-mail e seguendo commenti e discussioni su questo e su altri blog, ho ripreso l’argomento, motivato anche da esigenze lavorative.

Normalmente, almeno su ubuntu, è presente il server vino e il client vinagre per una connessione di tipo vnc, ma le prestazioni non sono paragonabili a quelle di NX, software prodotto da www.nomachine.com (citazione doverosa e gratuita), che fornisce il pacchetto server (non free) con un limite di due connessioni per uso personale.

Esiste però anche il pacchetto freenx-server, opensource, che è indietro in debian  e un pò meno in ubuntu, ma entrambi  non sono purtroppo aggiornati come quello commerciale.

Il repository per ubuntu funziona anche sulla mia debian unstable, ma non giurerei che sia debian compliant, se volete e se potete fatemi sapere.

Leggi il resto dell’articolo

[quickpress] virtualbox svn 15197

virtualbox-ose_2.0.51+svn-1-adoldo-15197_i386.deb

virtualbox-ose-dbg_2.0.51+svn-1-adoldo-15197_i386.deb

aggiornamento dopo scambio in ML vbox-dev:

Josh Wright ha scritto:
Due to some work to add ICMP
support to NAT on linux hosts, the
libcap developments headers are currently a build dependency.
apt-get install libcap2-dev
~JW

well, thanks for the information.
I have installed libcap-dev on ubuntu hardy 8.04.1 because I don’t
found the libcap2-dev (only for intrepid?)

The build now work fine, many thanks.
Best regards,
Antonio

@M0rF3uS
appena puoi aggiorni il repo? THX

VirtualBox 2.0.6, binari OSE sul repo

informazioni su virtualbox 2.0.6

Come promesso ieri, partendo dai sorgenti VirtualBox-2.0.6-OSE.tar.bz2, ho compilato i pacchetti Open Source Edition sia per Debian lenny/sid che per Ubuntu hardy/intrepid.

La compilazione è stata effettuata su Ubuntu 8.04.1 e i pacchetti sono installabili in Debian e Ubuntu.

Qui un estratto della pacchettizzazione:
~/VirtualBox-2.0.6$ dpkg-buildpackage -rfakeroot -us -uc
.......
dpkg-buildpackage: set CPPFLAGS to default value:
dpkg-buildpackage: set CFLAGS to default value: -g -O2
dpkg-buildpackage: set CXXFLAGS to default value: -g -O2
dpkg-buildpackage: set FFLAGS to default value: -g -O2
dpkg-buildpackage: set LDFLAGS to default value: -Wl,-Bsymbolic-functions
dpkg-buildpackage: source package virtualbox-ose
dpkg-buildpackage: source version 2.0.6
dpkg-buildpackage: source changed by Sun Microsystems, Inc.
dpkg-buildpackage: host architecture i386

Leggi il resto dell'articolo

VirtualBox 2.0.6 maintenace release, sviluppo continuo

Logo xVm sun virtualBox

Logo xVm Sun VirtualBox

Mi è arrivato poco fa in mailing list l’annuncio della release 2.0.6 di VirtualBox, versione di mantenimento che fissa alcuni bugs a 64bit e sistema vari fix sia per la compilazione in ambito Linux che per gli altri sistemi. L’elenco completo per tutte le piattaforme lo potete leggere qui:

Il download della versione PUEL per Linux è possibile dalla pagina:

http://www.virtualbox.org/wiki/Linux_Downloads

in particolare per debian e ubuntu quest sono i links;

Ubuntu 8.10 (“Intrepid Ibex”) i386 | AMD64

  • Ubuntu 8.04 (“Hardy Heron”) i386 | AMD64
  • Ubuntu 7.10 (“Gutsy Gibbon”) i386 | AMD64
  • Ubuntu 6.06 LTS (“Dapper Drake”) i386 |AMD64
  • Debian 5.0 (“Lenny”) i386 | AMD64
  • Debian 4.0 (“Etch”) i386 | AMD64
  • Debian 3.1 (“Sarge”) i386

mentre i sorgenti per la versione OSE potete scaricarli da qui, e naturalmente è d’obbligo scaricare anche il manuale ;)

Già domani speriamo di poterli pubblicare già compilati sul repo su: http://www.ilportalinux.it, stay tuned

Enjoy :)

schermata debian in virtualbox

schermata debian in virtualbox


Ubuntu 8.10 Plus: Intrepid con OpenOffice 3 e altro

UBUNTU 8.10 PLUS con OpenOffice 3Nel panorama della diffusione del software libero emerge ancora il Majorana di Gela: sul portale è disponibile Ubuntu 8.10 Plus Remix, la versione non ufficiale di Ubuntu che prevede di serie la lingua italiana, tanti utilissimi programmi, codecs e utilità non presenti nella versione ufficiale. Tra tutti spicca lo stupendo e nuovissimo OpenOffice-3.

Ubuntu Plus Remix 8.10, è già disponibile per il download ed è nata dalla collaborazione tra Antonio Doldo e Antonio Cantaro.


UBUNTU 8.10 Plus Remix, ossia Ubuntu live con OpenOffice.org 3

A fine ottobre è uscita la nuova versione di Ubuntu 8.10, denominata Intrepid Ibex (Intrepido Stambecco). La versione ufficiale è fondamentalmente in inglese, ma può essere resa in lingua italiana se si ha la disponibilità di una connessione internet. La versione ufficiale, purtroppo non contiene OpenOffice 3, bensì la versione precedente. Inoltre per consentire la distribuzione in un CD (in considerazione che non tutti hanno un lettore DVD), mancano alcune applicazioni che, per molti utenti, possono essere utilissime. Ovviamente, sapendo cosa fare ed avendo una connessione internet è possibile personalizzare ed ampliare Ubuntu secondo le proprie esigenze. Di fatto è quello che fanno gli utenti esperti subito dopo l’installazione della versione ufficiale di Ubuntu.

Nell post precedente su UCK 2.0.4, facevo l’esempio di come creare un’immagine ISO personalizzata di Ubuntu:
“…Da pochi giorni, appena uscita Ubuntu Intrepid, è stata rilasciata la nuova release 2.0.4 di UCK (Ubuntu Customization Kit), che permette di creare una versione personalizzata di Ubuntu, partendo dalle immagini ISO…”

Il Prof. Antonio Cantaro, leggendo l’articolo ebbe un’idea sulla condivisione della distro ampliata, diceva:
“Ciao Antonio …. perché non mettere a disposizione di tutti la tua iso DVD? Se l’hai organizzata per te sono sicuro che sarà apprezzatissima da tutti. Agli utenti più addentrati, usare UCK (così ben fatto) non comporta nessun problema, mentre per coloro che sono alle prime armi la cosa potrebbe comportare qualche difficoltà. Antonio, se hai problemi di spazio web, posso ospitare io il file ISO e consentirne il download..”.
Com’è finita? Con la nascita di Ubuntu 8.10 Plus Remix che vi stiamo proponendo. Infatti dopo diverse e-mail, telefonate e concordamenti vari, abbiamo deciso, insieme, quali applicazioni inserire nella versione Plus, che in definitiva è risultata ancora più ricca e completa della versione originale. Dopo diverse versioni, siamo approdati a quella che vi proponiamo. Io ho realizzato materialmente l’immagine ISO, grazie ad UCK, ed Antonio Cantaro ha curato la grafica, ospitando infine l’immagine ISO nel sito del Majorana, pronta per il download e per la masterizzazione su DVD. Insomma una bella collaborazione nata on-line.

Si sottolinea che Ubuntu 8.10 Plus remix NON è una versione ufficiale, ma un’integrazione della versione ufficiale medesima.

Infatti avendo scelto di non vincolarci alla dimensione di un CD, abbiamo creato un’immagine di circa 1,1 GB da masterizzare su DVD. Questo ci ha permesso di aggiungere molte applicazioni, codecs, lingua italiana, utilità, ed altro che non sono contenuti nella versione ufficiale di Ubuntu 8.10. Questa versione, come l’originale, può essere provata anche in modalità LIVE

Caratteristiche di Ubuntu 8.10 Plus Remix


Ubuntu 8.10 PLUS - Label alta risoluzione
Vediamo adesso cosa offre in più questa versione rispetto all’originale.

Lingua Italiana

Sono stati inseriti i pacchetti della lingua italiana. Questo significa che per quanti non hanno una connessione internet possono godersi Ubuntu (anche in versione live) completamente in italiano. Basta procurarsi un DVD o una “iso” (amici, altro computer con connessione ADSL, ecc…)
Leggi il resto dell’articolo

UCK 2.0.4, personalizzare l’ISO di Ubuntu (anche Intrepid)

Da pochi giorni, appena uscita Ubuntu Intrepid, è stata rilasciata la nuova release 2.0.4 di UCK (Ubuntu Customization Kit), che permette di creare una versione personalizzata di Ubuntu, partendo dalle immagini ISO.

Icona UCK

Icona UCK

Continua quindi il grande lavoro di Fabrizio Balliano, che tra l’altro ha anche lavorato sulle nuove ISO di crealabs: Ubuntu Mini Remix (133 MB, ex minibuntu) e Ubuntu Italian Remix (Ubuntu in italiano)

Nell’annuncio ufficiale vediamo il Changelog:

* Backend:
* initrd detection was updated to intrepid
* ISO mime type detection was updated to intrepid
* langlist was updated to intrepid

Questa invece è una parte della descrizione del pacchetto:

Description: a tool that helps you customizing official Ubuntu Live CDs
UCK is a tool that helps you customizing official Ubuntu Live CDs (including
Kubuntu/Xubuntu and Edubuntu) to your needs. You can add any package to the
live system, for example language packs, or applications.

Leggi il resto dell’articolo

Ubuntu 8.10 intrepid su pendrive, adesso è più semplice e veloce (e persistente)

Diverse volte ho scritto di distribuzioni installate su USB, quasi sempre in modo manuale, aggiustando, nel caso di Ubuntu,  i puntatori alla directory casper e ai files vmlinuz e initrd.gz.

A essere sincero questa volta non ho rincorso l’uscita di Intrepid, avendo da tempo optato per Debian come sistema principale, ma ho due o tre installazioni di Hardy che uso per sviluppo e che penso di tenere ancora per molto tempo, solo un portatile è stato aggiornato a Intrepid.

Mi ha incuriosito però l’utility in python usb-creator che permette di creare una pendrive avviabile e persistente in pochissimo tempo, senza configurare nulla (o quasi).

Questa si trova in “Amministrazione” -> “Create a USB startup disk”

Basta selezionare l’immagine ISO di Intrepid Desktop e inserire la pendrive, scegliendo la dimensione per il nostro file dati (casper-rw). In pratica sto scrivendo da Usb e non me ne accorgo quasi. Il boot in è un po’ lento, ma aspettare tre minuti per vedere le modifiche già effettuate riapparire sulla pennetta, ne vale la pena.
Leggi il resto dell’articolo

VirtualBox svn, Failed to allocate 5696 bytes

Dopo la compilazione di oggi della versione 13644, le macchine virtuali non partivano più a causa di un bug, costringendomi a fare il rollback alla versione precedente (se no i test perché se si fanno?):

Failed to allocate 5696 bytes of contiguous memory for the world
switcher code (VERR_NO_MEMORY).
Unknown error creating VM (VERR_NO_MEMORY).
Codice d'uscita:
NS_ERROR_FAILURE (0x80004005)
Componente:
Console
Interfaccia:

IConsole {e3c6d4a1-a935-47ca-b16d-f9e9c496e53e}

Considerando che ogni giorno ci sono evoluzioni , come quella di 2 giorni fa che avverte del cambio del formato XML:

VirtualBox.xml adesso contiene:


VirtualBox xmlns="http://www.innotek.de/VirtualBox-settings" version="1.4-linux"

Pensavo che fosse qualche impostazione del mio VB, ho quindi compilato installato su una macchina pulita, riscaricando l’alberto svn, ma il problema rimaneva. Ho segnalato il bug in vbox-dev e già dopo poche ore virtualbox è tornato a funzionare (versione 13680).

I pacchetti sono già sul repo di M0rF3uS.

virtualbox-ose_2.0.51+svn-1-adoldo-13680_i386.deb 5842704 30 ott 22:52
virtualbox-ose-dbg_2.0.51+svn-1-adoldo-13680_i386.deb 19655734 30 ott 22:53

Enjoy :)

blogtopsites.com

..:: Statistiche del Blog ::..

  • 828,083 Pagine viste
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.