Antix-M8, boot da pendrive USB o da immagine ISO

antix-logo

Il rilascio di Debian 5.0 di ieri ha inondato le pagine di molti siti, e le attese di molti fans, compreso me, sono state esaudite. Già da tempo chi aggiornava dai repo ufficiali intravedeva la versione matura di Debian e nei prossimi giorni potremo capirne di più.

Debian GNU/Linux è definito il sistema operativo universale, credo per il fatto che sia installabile su moltissime piattaforme. Decine sono le distro derivate, come Ubuntu, Knoppix, Sidux, Xandros, Mepis.

Un giorno prima di Lenny ha visto la luce anche antiX-M8 costola leggera di Mepis 8,  rilasciata con il nome “antiX MEPIS 8 Intifada“, che secondo gli autori è adatta per computers obsoleti e con poca RAM,

AntiX is designed to work on computers with as little as 64 MB RAM and Pentium II or equivalent AMD processors, but not K5/K6 processors. 128 MB RAM is recommended minimum.

Le note di rilascio e l’annuncio sono qui:

http://antix.mepis.com/index.php/Main_Page#News

http://www.mepis.org/node/14212

Morgantown, WV, US and Thessaloniki, Greece, Feb 12, 2009 — The antiX-team is proud to announce that antiX MEPIS 8 ‘Intifada’ – a fast and light complete desktop and livecd based

on SimplyMEPIS and Debian Testing, with a little bit of sidux,- is now available at mepis mirrors in the released/antix directories in full and base editions.

This release defaults to a fully customised icewm desktop (fluxbox is also installed) In addition to the SimplyMEPIS 8.0 foundation with its 2.6.27-15 kernel and Assistants, antiX has an improved

antiX-Control Centre, new scripts for screenshots, and phonebook. There are improved and extended themes and artwork for icewm and fluxbox. Localisation is much improved in this version.

Download della versione full: antiX-M8.iso

Una delle cose da considerare è che questa è una distro Debian con alcuni repository aggiunti, per permettere comunque una release camaleontica e scalabile. Di serie monta icewm e fluxbox come WM, ma una volta installata è possibile integrarla con qualunque cosa venga da madre Debian 😉

Leggi il resto dell’articolo

AntiX-M7.01 Mepis Lysistrata, boot da file ISO


logo antix

Pochi giorni fa è stata rilasciata la release M7-01 di AntiX, nome in codice Lysistrata, costola leggera di Mepis che si dichiara ideale per computer datati.

E’ basata su Debian Etch, con la quale mantiene piena compatibilità.


Viste le ridotte dimensioni si presta benissimo a essere virtualizzata e essendo derivata Debian può essere modellata a piacere scegliendo i pacchetti da un parco software invidiabile 😉

Leggi il resto dell’articolo

AntiX-M7 Beta 2, distro leggera basata su Debian.

logo antix

AntiX-M7 è un’evoluzione della recente antiX-Mepis6.5 “Spartacus” con alcuni cambiamenti e miglioramenti. Ideale per computer non potentissimi, è molto leggera. Basata su Debian, può essere installata e ampliata anche su hardware recente. L’annuncio del rilascio riporta:

Morgantown, WV, US and Thessaloniki, Greece, Sept. 3, 2007 — MEPIS has announced the 7.0 beta 2 release of antiX, a lightweight derivative of MEPIS. AntiX is built and maintained by MEPIS community member anticapitalista, as a free version of MEPIS for very old 32 bit PC hardware. The antiX web site is at antix.mepis.org and an antiX forum is hosted at www.mepislovers.org

AntiX 7.0 beta 2 is very similar to AntiX 6.5 except that it is built using the MEPIS Linux 7.0 core including the MEPIS 2.6.22 kernel and utilities, but mostly it has a different set of default user applications: fluxbox and ice window managers, Abiword, Gnumeric, Leafpad, Scite, Nano, mtpaint, xpdf, Firefox2, Sylpheed-claws, Dillo, Links2, Xchat, gftp, Pan, Irssi, Snownews RSS reader, Gtk-Gnutella, bittorrent, flash, mozilla-mplayer, xmms, mplayer, gmplayer, Midnight Commander, rox-filer, xarchive and brasero.

AntiX is designed to work on computers with as little as 64MB RAM and Pentium II or equivalent AMD processors. ISO images and deltas are available in the ‘testing’ subdirectory at the MEPIS Subscriber’s Site and at the MEPIS public mirrors.

Questi i principali cambiamenti:

  • 2.6.22 kernel (previously 2.6.15)
  • XOrg7
  • Fluxbox (default), IceWM (opzionale)
  • Iceweasel (Firefox)
  • AbiWord word processor
  • Xmms audio player
  • gmplayer video player (Xine rimosso)
  • Synaptic package manager
  • Brasero CDR/DVDR tool
  • MEPIS Utilities

L’immagine ISO, scaricabile da qui è di 300MB.

Leggi il resto dell’articolo

MEPIS 7 Begins ritorno a Debian. La versione 6.9.51 abbandona i binari Ubuntu.

E’ di pochi giorni fa la notizia del ritorno ai binari Debian di Mepis che abbandona la strada precedente che la vedeva usare i repositories Ubuntu a livello binario.

mepis ico

Warren Woodford spiega che il cambio è stato fatto per mantenere la stabilità e l’innovazione allo stesso tempo per soddisfare al meglio la propria utenza. Per la precisione i binari Mepis saranno basati su Debian combinati ai sorgenti dei repo Ubuntu:

MEPIS has discontinued using Ubuntu binary packages in favor of a combination of MEPIS packaged binaries based on Debian and Ubuntu source code which is combined with a Debian Stable OS core and extra packages from Debian package pools.

La release 6.9.51 prebeta, scaricabile da qui oppure da uno dei mirrors, è già abbastanza matura e stabile, ma non è consigliabile per sistemi in produzione. La gestione del sistema è funzionale e non mancano i tools di sistema essenziali.

Leggi il resto dell’articolo

AntiX Mepis Spartacus release, distro leggera per computer datati, basata su Ubuntu

AntiX Mepis Spartacus è una distro leggera, derivata da Ubuntu e Mepis, ottimizzata per hardware datato.

Il comando “lsb_release -a” riporta:

Image Hosted by ImageShack.us

Distributor ID: Ubuntu
Description: Ubuntu 6.06.1 LTS
Release: 6.06
Codename: dapper

mentre il file “version”

SimplyMEPIS-CD_6.5.02_32
Published by: MEPIS LLC, http://www.mepis.com
Prepared by: MEPIS LLC, http://www.mepis.com

antiX-Mepis6.5, Spartacus release.

7 July 2007

Per farla girare sono richiesti 64 MB di RAM, 128 raccomandati. E’ possibile farla girare su pendrive o come liveCD. Lo scopo è quello di fornire un sistema operativo leggero sia per utenti novizi che esperti.

Leggi il resto dell’articolo