Kde4 in Qemu, VirtualBox o VMware. Dischi vdi, qcow e vmdk



L’attesa spasmodica di questi giorni sull’uscita di kde4, fa si che molti rincorrano notizie e procedure per vedere o testare il nuovo DE così tanto atteso. L’ultim’ora ci propone carrellate di immagini e impressioni:

http://drowstar.blogspot.com/2008/01/first-look-at-unreleased-kde400-with.html

http://picasaweb.google.com/mmauder/KDE400

Per quanto mi riguarda non credo di passare a kde (almeno per ora) pur riconoscendo la rivoluzione che si sta per compiere. A causa della mia “anzianità” ho usato (e quindi visto) kde dalla versione 0.12, che in questo caso non è una marca di abbigliamento🙂

http://www.kde.org/history/press.php?page=1998

Diciamo che fino a un anno fa usavo KDE, ma in questo momento gnome mi soddisfa abbastanza, e poi ho abbandonato le “guerre” di religione😉

In questi giorni però, per fare prove su VirtualBox e VMware, cercavo un modo veloce per rendermi conto di cosa si sta parlando e così sono approdato su questo bel post :

“Howto: Transform a qemu image to a VirtualBox image [2. Update]”

sulla conversione di dischi da immagini raw/emu a .vdi (VirtualBox) o a vmdk (VMware)

Il tutto si basa su un’immagine denominata kde4daily in formato img per qemu e disponibile qui: KDE4Daily Virtual Image. La distro in questo caso è una (k)Ubuntu dove è stato installato lo snapshot giornaliero di kde4, i link sia per il torrent che per il download diretto, sono:

http://linuxtracker.org/download.php?id=4855&name=kde4daily-0_0_1.torrent
http://iskrembilen.com/kde4daily-0_0_1_r734472-qcow.img.bz2
http://kde4.aerdan.org/kde4daily-0_0_1_r734472-qcow.img.bz2

In più, un certo “lufthanza” ha convertito l’immagine per VirtualBox (formato VDI), questi i links:

http://kde4.aerdan.org/kde4daily-0_0_1.vdi.gz

http://linuxtracker.org/download.php?id=4932&name=KDE4Daily_virtualbox.torrent

Mentre con la distro OpenSuSe viene rilasciata un’immagine ISO che semplifica l’uso del test:
http://home.kde.org/~binner/kde-four-live/KDE-Four-Live.i686-0.9.iso

La conversione dal formato qcow (qemu) a quello raw viene effettuata con qemu-img:

$ qemu-img convert kde4daily-0_0_1_r734472-qcow.img kde4daily.bin

mentre il formato VDI a partire dal formato raw (bin) si ottiene in due modi:

l’autore del blog nel post usa vditool, ma un commento lo avvisa che questo è obsoleto e sarebbe meglio ricorrere a VBoxManage

nel primo caso la conversione si fa con:

$ vditool DD kde4daily.vdi kde4daily.bin

mentre con VBoxManage useremo:

$ VBoxManage convertdd kde4daily.bin kde4daily.vdi

L’immagine potrebbe essere compattata (SHRINK), sia con

$ VBoxManage modifyvdi kde4daily.vdi compact

che con

$ vditool SHRINK kde4daily.vdi

ma a me ha causato errori durante il boot!

Un tentativo di passare a VMware procedeva molto lentamente quindi ho rinunciato, ma se voleste provare, dovreste usare:

$ qemu-img convert kde4daily-0_0_1_r734472-qcow.img -O vmdk kde4daily.vdmk

di seguito invece un po’ di history:

# Scompatta il disco gzip in vdi

cd .VirtualBox/VDI/
gzip -dc /media/hdb1/kde4daily-0_0_1.vdi.gz >kde4daily.vdi

ls -l kde4daily.vdi
-rw-r--r-- 1 adoldo adoldo 3758111232 2008-01-06 21:57 kde4daily.vdi

# Registra il disco in VirtualBox

$ VBoxManage registerimage disk kde4daily.vdi

$ ls -l
-rw-r--r-- 1 adoldo adoldo 3758096384 2008-01-06 22:35 kde4daily.bin
-rw------- 1 adoldo adoldo 3758111232 2008-01-06 22:56 kde4daily.vdi

# Compatta l’immagine vdi (sconsigliato)

$ VBoxManage modifyvdi kde4daily.vdi compact

$ ls -l
-rw------- 1 adoldo adoldo 1869625856 2008-01-06 23:10 kde4daily.vdi

L’impressione finale, considerando che kde4 gira in ambiente virtuale, è però senza dubbio positiva per la velocità e fluidità, senza entrare nel merito delle scelte grafiche che ci girano intorno da qualche mese, e poi ancora qualche giorno e già vedremo le prime distro in corsa😉
Enjoy🙂







Info Antonio Doldo
www.toolinux.it - www.virtualboxes.org - adoldo.wordpress.com - Linux user & Android fan

16 Responses to Kde4 in Qemu, VirtualBox o VMware. Dischi vdi, qcow e vmdk

  1. Serendippo scrive:

    tempestivissimo come sempre, eh? proprio ieri pensavo a qualcosa del genere, ma (a parte che non ne avrei avuto il tempo) non sarei mai arrivato così in fretta a questa soluzione, in realtà semplicissima!
    condivido in toto le tue argomentazioni riguardo a Gnome…

    già che ci sono, ti chiedo una dritta veloce: come faccio ad attivare le VBox Guest Additions? devo abilitarne la ISO dentro il lettore CD virtuale (in cui caricarle) sin dall’impostazione, oppure le devo richiamare dopo aver avviato l’immagine virtuale (cioè operando DENTRO di essa, anziché PRIMA)? e nel primo caso bisogna anche abilitare “Passthrough” o peggiora le cose?
    Ti chiedo tutto questo perché sinora non mi è riuscito di farle partire ed è frustrante lavorare a 800*600, quando si sa che c’è una funzionalità che annulla il problema…

    Grazie e CIAO

  2. Antonio Doldo scrive:

    @Serendippo
    L’attivazione delle Guest Additions deve esse fatta all’interno della macchina virtuale e il cd può essere abilitato durante l’esecuzione di questa. Una volta montato il cdrom, è sufficiente eseguire:
    sudo sh /media/cdrom/VBoxLinuxAdditions.run

    L’opzione “pass trough” (che permette di inviare comandi ATAPI direttamente alla periferica) in questo caso è inutile, perché si tratta di un file ISO😉
    Grazie

  3. Serendippo scrive:

    ah, ecco…
    Un problema a monte è che riesco a far partire una macchina virtuale (p.es. con Ubuntu 7.10) sempre e soltanto (ri)lanciando la ISO da Cd-rom, quindi poi quest’ultimo risulta “occupato”.
    O perlomeno questo mi pare di intuire, dato che quando seleziono Dispositivi > Installa Guest Additions sulla cornice ‘esterna’ superiore non succede proprio nulla 😦

    Cmq ci ho appena provato, in un terminale (giusto?), però mi risponde
    sh : Can’t open /media/cdrom/VBoxLinuxAdditions.run
    Sono andato a controllare e dovrebbe chiamarsi ‘GuestAdditions’, ma anche così:
    sh: Can’t open /media/cdrom/VBoxGuestAdditions.run
    e torna al prompt $
    Lo stesso anche se cambio percorso:
    /dev/cdrom/VBoxGuestAdditions.run

    Grazie a te, sempre cortese e disponibile… come fai a esser così paziente?

  4. Antonio Doldo scrive:

    @Serendippo
    Puoi estrarre VBoxLinuxAdditions.run dal file iso del tuo sistema montandolo come loop:
    sudo mount -o loop /usr/share/virtualbox/VBoxGuestAdditions.iso /media/cdrom0
    cp VBoxLinuxAdditions.run $HOME

    e copiarlo (ftp, ssh) dentro la macchina virtuale e eseguirlo da li.
    Non ho capito però perché devi usare sempre il cdrom per partire, Grub non è installato?
    Ciao,
    Antonio

    Cit.
    La pazienza è l’arte di sperare. Luc de Clapiers de Vauvenargues

  5. Antonio Doldo scrive:

    @Serendippo
    Scusa ma andavo di fretta, aggiungo che in tutte le ISO live è inutile aggiungere programmi perché questi valgono solo nel momento dell’esecuzione😉
    E’ chiaro che l’aggiunta delle Guest Additions va fatta nelle macchine dove il sistema è installato, Spero di non averti confuso, ma la mattina i miei due neuroni non sono ancora connessi😀
    Bye ….
    Antonio

  6. Serendippo scrive:

    beh, anche se non erano connessi, tu ne avevi almeno 2, di neuroni😉
    Siccome devo aver installato male qualcosa, stasera sono ripartito da zero. Creo una nuova MV (da PcLinuxOS2007, era il primo CD sotto mano), installo e al riavvio imposto di leggere le Guest Additions dal CD (virtuale). Bene, entrato mi segnala che c’è un nuovo media (medium?), lo monta e dentro effettivamente ci vedo sia il .run sia il .exe (quello per Win$).
    Naturalmente da lì non posso lanciarlo, apro un terminale, digito il comando che mi hai suggerito, mi chiede la password (ma quale? quella di utente o quella di root???) e sembra eseguirlo perché torna al prompt, ma in realtà non è cambiato nulla! Ossia, dei benefici delle GA non ne vedo nessuno.
    Sarò certamente io che sbaglio qualcosa, eppure quando leggo i tuoi post sembra tutto così semplice e lineare…
    Naturalmente non mi offendo se ti 6 rotto e mi ‘scarichi’, proverò a cavarmela da solo in qualche modo…
    Ciao e grazie lo stesso, anche solo x averci provato.

  7. Antonio Doldo scrive:

    @Serendippo
    Solo per informazione riporto parte della sezione 4.1 del manuale:
    4.1 Introduction
    The Guest Additions are designed to be installed inside a virtual machine. They consist of device drivers and system applications for the guest operating system that optimize the guest for better performance and usability. To install these additions, you simply provide a special ISO file that comes with VirtualBox as a virtual CD-ROM to your guest operating system and install from there.

    Mouse pointer integration
    Better video support
    Time synchronization
    Shared folders
    Shared clipboard

    Insomma la situazione dovrebbe essere migliore, ma certamente miracoli non se ne fanno. Per quanto riguarda l’installazione su PCLinuxOS, essendo mandriva derivata, non credo che abbia sudo, perciò la password si riferisce a quella di root.
    PS: non mi sono rotto e i tuoi commenti e quelli degli altri non fanno altro che alimentare il mio sapere, con lo scambio di idee🙂
    Quindi grazie a te,
    Antonio

  8. Serendippo scrive:

    evidentemente non ho la pazienza e la costanza che hai tu…
    Ovviamente il manuale l’ho scaricato (e letto) anch’io, però senti, questo non è lo spazio x discutere dei dettagli tecnici.
    Ho sbagliato io a fare troppe domande, mi spiace.
    Ti ringrazio tantissimo, sei ammirevole x ciò che (e come lo) fai, ma (come scrivevo ieri) cercherò di andare avanti da solo.
    Ti lascio cmq un’ultima domanda, + generale.
    Vorrei aggiornare il kernel, e so che facendolo dovrò rinstallare anche VirtualBox. Tu consigli di ELIMINARE la versione precedente prima di reinstallarla (utilizzavo la 1.5.2, intanto è uscita la 1.5.4), oppure posso sovrascriverla senza problemi? Oppure c’è anche modo di farne una installazione parallela (che so, in maniera che col kernel + aggiornato adopero la 1.5.4 e quello + vecchiotto la 1.5.2), giusto x non dover ricominciare tutto daccapo.
    La versione che utilizzo adesso è stata installata in modo assolutamente normale, come da istruzioni. Cercando con ‘whereis’ e ‘locate’ il programma sembra stare soltanto in /usr/lib e /usr/share (con varie directories e sottodir).
    Aggiungo che in /opt (ho un vago ricordo che una volta si installava là dentro) ho solamente una cartella /Adobe.
    Beh, se poi non è possibile, ricomincerò tutto daccapo: in fondo non è certo il programma + difficile da installare…😉
    CIAO

  9. Antonio Doldo scrive:

    @tutti
    mi scuso per il ritardo delle risposte, riprendo dopo qualche giorno.

    @Serendippo
    spero che nel frattempo tu abbia risolto i problemi.
    Leggendo questo tuo ultimo commento, potrei suggerirti di lasciar stare il kernel e di installare la versione 1.5.4 anche senza disinstallare, sia se usi debian/ubuntu che distro basate su rpm. In Ubuntu basta controllare con
    dpkg -l virtulabox (controlla la versione) e con:
    dpkg -L virtualbox (lista i pacchetti)
    per sapere dove si trovano i vari files.
    Devo dire che anch’io ho avuto problemi con la risoluzione 800×600 anche con le GA installate, ma credo che dipenda dal driver video (vesa) di virtualbox, vedrò di indagare.
    A risentirci,
    Antonio

  10. ecole scrive:

    Per convertire un’immagine di qemu per virtualbox basta seguire questi passaggi: http://www.valent-blog.eu/2007/10/10/usare-unimmagine-di-qemu-su-vmware/
    fino alla creazione del file .vmdk. Poi in Virtualbox creare una nuova macchina virtuale e indicare come disco rigido l’immagine convertita.

  11. Antonio Doldo scrive:

    @ecole
    grazie del link al bel blog che già conosco🙂
    Solo una precisazione: l’immagine così ottenuta è nel formato vmdk e non vdi (nativo di virtualbox) cioè non permette tra l’altro il Writethrough
    e lo snapshot😉
    Per completezza, avevo già affrontato l’argomento in questo post:
    https://adoldo.wordpress.com/2007/03/22/da-vmware-a-virtualbox-virtuale-open-source-e-meglio/
    Ciao,
    Antonio

  12. ecole scrive:

    Hai ragione non ho pensato. Non uso in genere gli snapshot.
    Invece hai qualche soluzione per usare un’immagine di virtualbox o qemu su xen?

  13. Antonio Doldo scrive:

    @ecole
    non uso xen, mi ci sono impantanatto qualche volta😦
    ho un paio di link che forse dicono qualcosa:
    http://ian.blenke.com/vmware/vmdk/xen/hvm/qemu/vmware_to_xen_hvm.html
    http://wiki.xensource.com/xenwiki/VMDKImage
    E’ un argomento che mi piacerebbe affrontare, ma servono input (o dritte)😉

    Ciao,
    Antonio

  14. Pingback: Da VMware a VirtualBox con Clonezilla, clonare i dischi virtuali | Yourpage live news aggregator

  15. Pingback: Da VMware a VirtualBox con Clonezilla, clonare i dischi virtuali | Yourpage live news aggregator

  16. Pingback: Da VMware a VirtualBox con Clonezilla, clonare i dischi virtuali | Yourpage live news aggregator

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: