Slax 6 (pre3) boot USB e CD


Una vecchia pubblicità recitava: 170gr di bontà in olio di oliva🙂

Mi è venuta in mente pensando ai 170 MB di Slax 6 (pre3, quasi definitiva) che in pochi secondi fa il boot sia da mini CD (da 8cm, 200MB) che da pendrive, mettendo a disposizione un ambiente Linux quasi completo.

Slax-6.0.0pre3:

il kernel 2.6.20 ha il supporto per multiprocessore e dualcore, ed è stato migliorato l’accesso ai drivers con ndiswrapper e la scrittura su ntfs attraverso ntfs-3g.

Il passaggio alla pendrive è abbastanza semplice, possiamo masterizzare il CD e copiare il tutto ricorsivamente oppure, una volta montato il CD come device loop, diamo il comando:

$ sudo mount -o loop /home/user/slax-6.0.0pre3.iso /media/cdrom

si possono quindi copiare le due dir slax e boot sulla pendrive montata.

$ sudo mount /dev/sda1 /mnt/usb
$ cd /mnt/usb
$ cp -rv /media/cdrom0/* .

Infine va eseguito lo script che prepara il boot della pendrive :

$ sudo su -

# bash /media/cdrom/boot/bootinst.sh

Potete scaricare l’immagine ISO da qui e leggere il changelog per le info.

Buon divertimento….



Info Antonio Doldo
www.toolinux.it - www.virtualboxes.org - adoldo.wordpress.com - Linux user & Android fan

12 Responses to Slax 6 (pre3) boot USB e CD

  1. pastoreerrante scrive:

    Ciao e complimenti per il blog!

    Mi spiegheresti come si fa a montare il cd come device loop? intendi semplicemente montarne l’immagine?

    grazie

  2. Antonio Doldo scrive:

    Si, scusa se non sono stato chiaro, infatti il comando
    “sudo mount -o loop /home/user/slax-6.0.0pre3.iso /media/cdrom”
    serve proprio a montare l’immagine ISO che sta nella home di “user”.
    Grazie dei complimenti….
    ciao,
    Antonio

  3. pastoreerrante scrive:

    Ok, ho risolto da solo, però una volta lanciato lo script che prepara il boot della pendrive, ottengo:

    Flushing filesystem buffers, this may take a while…
    Setting up MBR on /dev/loop…
    Fatal: Cannot open /dev/loop: No such file or directory

    Cosa posso fare per risolvere? dove sta questa directory /device/loop?

  4. Antonio Doldo scrive:

    Ho verificato e il problema sta nel fatto che /dev/loop è già occupato, per cui occorre copiare il CD ISO oppure usare /dev/loop1

    Riporto qui un esempio per usare due device “loop”:

    $ sudo mkdir /mnt/loop /mnt/loop1

    $ sudo mount -o loop /home/user/slax-6.0.0-pre2.iso /mnt/loop/
    $ sudo mount -o loop /home/user/Slax/slax-5.1.8.1.iso /mnt/loop1

    e infatti ho:

    $ df|grep loop
    175064 175064 0 100% /mnt/loop
    196920 196920 0 100% /mnt/loop1

    $ mount |grep loop

    /home/user/slax-6.0.0-pre2.iso on /mnt/loop type iso9660 (rw,loop=/dev/loop0)
    /home/user/slax-5.1.8.1.iso on /mnt/loop1 type iso9660 (rw,loop=/dev/loop1)

  5. pastoreerrante scrive:

    scusa l’ignoranza, ma non ho ben capito quali comandi devo dare una volta che ho copiato nella pendrive le due directory boot e slax…THX

  6. Antonio Doldo scrive:

    va lanciato lo script bootinst.sh, in realtà viene eseguito syslinux che rende avviabile la pendrive.
    Se hai dubbi estrai l’immagine ISO su una directory e lancialo da li.

    sudo ./boot/syslinux/syslinux -d boot/syslinux /dev/sda1

  7. pastoreerrante scrive:

    uhmmm…la procedura è stata portata a termine con successo (almeno così pare ). Però non riesco a fare il boot da usb, pur avendo reimpostato il bios in modo che venisse attribuita priorità nel boot ai dispositivi “removable”.

    Qualche idea?

  8. Antonio Doldo scrive:

    Per impostare il boot da USB, dipendentemente dalla scheda madre, occorre provare con l’opzione “usb-hdd”. Ti assicuro che spesso è difficile😦
    Su che tipo di motherboard stai provando?, la pendrive è FAT 16 o FAT 32? La partizione della pendrive è impostata a “bootable”?

    Una possibilità è di reinstallare l’MBR:
    Su Ubuntu:

    $ sudo apt-get install mbr
    $ sudo install-mbr /dev/sda

    Questo riscrive l’MBR della pendrive, poi devi riusare syslinux
    $ sudo syslinux -s /dev/sda1

    e creare un file syslinux.cfg nella root che contenga l’indicazione del kernel e di initrd, nel caso di slax:

    PROMPT 0
    TIMEOUT 40
    DEFAULT linux

    label linux
    kernel /boot/vmlinuz
    append vga=769 max_loop=255 initrd=/boot/initrd.gz init=linuxrc load_ramdisk=1 prompt_ramdisk=0 ramdisk_siz
    e=4444 root=/dev/ram0 rw

    Non so se hai dato un’occhiata ai post precedenti:
    https://adoldo.wordpress.com/2007/01/28/xubuntu-slax-e-knoppix-sulla-stessa-pendrive-usb/
    https://adoldo.wordpress.com/2007/01/22/boot-di-knoppix-51-e-slax-518-dalla-stessa-pendrive/
    https://adoldo.wordpress.com/2007/01/30/pclinuxos-da-pendrive-usb/

    Good boot…
    Fammi sapere

  9. andy scrive:

    Ma per effettuare il boot da usb, si deve impostare il boot in REMOVABLE DEV.?

    Ringrazio anticipatamente

  10. Antonio Doldo scrive:

    Si, dipende dalla scheda madre. Se possibile dovresti impostare usb-hdd e attivare USB Legacy. controlla le opzioni del bios inserendo la chiave prima di accendere il PC. Ciao,
    Antonio

  11. Jamal scrive:

    Il recensore dell’articolo concludendo ha scritto “… e buon divertimento.”

    Io non direi proprio😦 Pur riuscendo a far partire slax da usb con la sua interfaccia – anche in lingua italiana – proprio non riesco a rendere permanenti le modifiche tipo i parametri internet, tipo alcuni collegamenti ai drive sul desktop, cazzatelle insomma, ma fastidiose.
    Di post sull’argomento ne ho letti e provati tanti, ma non sono riusciuto nell’intento.

    Se qualcuno c’è riuscito, può gentilmente spiegare (passo-passo) come c’è riuscito ?

    Grazie e saluti

  12. Antonio Doldo scrive:

    @Jamal
    Capisco il tuo punto di vista, ho trattato più volte il discorso dei cambiamenti mantenuti sulla pendrive, vedi:
    https://adoldo.wordpress.com/2007/06/19/slax-6-rc3-su-pendrive-usb-persistente/
    Non è chiaro quale metodo usi per il salvataggio, file slaxsave.dat, partizione con changes=/dev/xdx oppure directory /slaxsave?
    Personalmente credo che slax sia, da qualche mese a questa parte, a un punto fermo, anche se Tomáš (http://blog.slax.org/2007/12/15/slax-is-not-dead/) dice il contrario, e senza togliere merito al suo enorme lavoro, mi sembra che le cose non siano ben messe😦
    Ciao,
    Antonio

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: